Fratture del mascellare

Cos'è

Si distinguono, in relazione alla localizzazione, in fratture del processo alveolare, del palato, di Le Fort I (orizzontale), Le fort II (piramidale), Le Fort III (disgiunzione cranio-facciale).
Si presentano con mobilità dei segmenti interessati, dolore, edema ed ematomi che possono coinvolgere la regione del naso o delle palpebre, malocclusione, ferite a livello mucoso, lesioni a carico degli elementi dentali, talvolta alterazioni nella
posizione del globo oculare.

Tipo di intervento

L’intervento si esegue di solito in anestesia generale e prevede l’utilizzo di placche e viti per stabilizzare i frammenti.
In caso di successivo dolore o infezione nella regione delle placche di osteosintesi, queste possono essere rimosse tramite un semplice intervento eseguito in anestesia locale.
Generalmente l’incisione si esegue a livello intraorale, con il vantaggio di non avere cicatrici cutanee

Durata

Da 40 minuti ad 1 ora, a seconda della complessità del caso.

Guarigione

Si somministra una terapia antibiotica per ridurre il rischio di infezioni.
Il dolore, normale nei primi giorni dopo l’intervento, viene controllato con la terapia prescritta.
Sarà necessario seguire una dieta morbida per qualche settimana ed evitare attività sportiva agonistica per 30 giorni.